Stefano Di Giusto - Tommaso Chiussi

Globocnik's men in Italy 1943-45

Abteilung R and the SS-Wachmannschaften of the OZAK


Testo in inglese, 240 pagine, formato 18 x 25 cm, rilegato, 402 foto, mappe e documenti
Schiffer Publishing, dicembre 2016

 

Quando nel settembre 1943 Odilo Globocnik, comandante delle SS e della polizia a Lublino, Polonia, si trasferì in Italia (nella regione al confine nord-orientale che includeva il Friuli, la Venezia Giulia e parti delle attuali Slovenia e Croazia, chiamata dai tedeschi "Zona d'Operazione Litorale Adriatico", abbreviato in OZAK), portò con sé un gruppo di circa 100 uomini che avevano gestito i noti campi di sterminio dell'Aktion Reinhard a Belzec, Treblinka, Sobibor, dove erano state uccise 1,5 milioni di persone, in gran parte ebrei.

Questo libro descrive le attività di questo gruppo nell'OZAK, dove esso venne indicato come Abteilung R, dalla fine del 1943 al 1945. Nella regione i suoi componenti non solo continuarono la persecuzione degli ebrei, ma vennero coinvolti nella lotta contro il movimento resistenziale, parteciparono ad attività di sicurezza, operazioni anti-partigiane, operazioni di rappresaglia incluso l'arresto e l'uccisione di civili, e gestirono il famigerato campo di detenzione e transito della Risiera di San Sabba a Trieste.

Il libro analizza anche il massacro di Lipa (villaggio tra Trieste e Fiume, oggi in Croazia) del 30 aprile 1944 e sulla base degli indizi raccolti sostiene la tesi che elementi dell'Abteilung R siano responsabili della strage, in cui vennero uccisi quasi 300 civili. Viene inoltre analizzata la possibilità che lo stesso Abteilung R possa essere stato responsabile anche del massacro di Avasinis (a nord di Udine), nel quale 51 civili vennero uccisi il 2 maggio 1945.

Il libro si occupa inoltre delle SS-Wachmannschaften (unità di guardia delle SS) dell'OZAK, reparti militari formati con elementi reclutati localmente e la cui storia era quasi sconosciuta, che ebbero dei legami con l'Abteilung R. In questo contesto vengono anche ripercorse le vicende del cosiddetto "Battaglione Davide", un reparto originario del Piemonte catalogabile nell'area grigia tra collaborazione e resistenza, i cui uomini finirono in parte impiegati come guardie alla Risiera, integrati nelle SS-Wachmannschaften.

Sono inclusi capitoli sulle uniformi, le insegne, le armi e i veicoli e molte immagini relative alle operazioni anti-partigiane nella regione.

Sommario: scaricabile qui

Per ulteriori informazione e acquisto: Schiffer Publishing



This page in English: click here

Home